ORSI ITALIANI MAGAZINE



ATTENZIONE / NOTICE

Questa pagina contiene immagini di nudo maschile e testo a contenuto omoerotico: e' pertanto riservata a persone maggiorenni

This page contains pictures of male nudity and a text with homoerotic contents: it's intended for persons over 18


La sociologia ursina di mio zio  

(parte quinta - L'anniversario gay di mio padre

Un racconto di Orsanghelos


Erano passati molti mesi, dal compleanno di mio padre in cui avevo fatto il mio coming out con i miei genitori e con il mio famigerato zietto.
Erano successe molte cose di cui vi ho parlato in modo approfondito nei precedenti racconti, ma non vi ho piu' parlato del mio zio, professore di sociologia e gay conosciuto negli ambienti.
Il caro zietto nel frattempo aveva terminato il suo fantomatico sondaggio-studio sui luoghi di battuage gay della nostra provincia... eh si' perche' col passare del tempo avevo scoperto che non si limitava a frequentare i due parcheggi intorno alla nostra citta' ma che si spostava anche in altri fuori mano, voleva fare 'un sondaggio che rispondesse alle abitudini della nostra provincia', quando Federico me lo disse una sera tornando a casa - da quattro mesi abitavamo insieme nel mio appartamento - io gli dissi che era un modo come un altro per andare a rimorchiare anche in altri parcheggi, come facevano tutti i gay nelle serate di magra.
Pochi giorni fa arriva a casa mio padre e il suo compagno Daniel, lo vedo arrabbiato e subito mi mostra un testo, e' il sondaggio di mio zio, che gli e' stato pubblicato dall'Universita' con tanto di presentazione del Rettor Maggiore e introduzione del preside di facolta', il preside uscente, quel matusalemme del Parivini, che ad 80 anni ancora non si e' accorto che il mondo e' cambiato, un preside di facolta' che non sa usare il pc neanche per scrivere una lettera.
Mio padre e' nervosissimo, ha letto velocemente il sondaggio: suo fratello, nonche' mio zio, non fa altro che accusare i gay di perversione, di rovina famiglie, di decadenza dei costumi, e perfino d'untori di virus, aggiungendo dei dati che riportano l'alto numero di sposati con AIDS dopo aver avuto rapporti con omosessuali, insomma era un cimitero di guerra non un sondaggio sociologico.
Daniel, il compagno di mio padre, anche lui e' infuriato, lui ci ha scopato con mio zio varie volte, e gli ha raccontato della sua vita, perche' si erano frequentati per un periodo ed ora si era riconosciuto in una delle testimonianze, in cui era definito un sessuomane, uno che ragionava con i testicoli e con il pene - di notevoli dimensioni riportava, se lo era gustato il pisellone il caro zietto - perche' aveva abbandonato la moglie dopo 20 anni di matrimonio.
Avevamo cambiato appartamento e ne avevamo preso uno piu' grande con Daniel. Tra noi si era creata una bella intimita', a volte Daniel veniva nel nostro lettone a vedere la tv insieme con noi e spesso si finiva a fare sesso in tre. Erano passati diversi giorni da quando avevo scopato con mio padre e Daniel, e Fede sognava di farlo anche lui tutti insieme. Spesso con Daniel se ne parlava, e ci diceva che mio padre voleva farlo anche lui, ma aveva paura di rovinare il rapporto tra me e Fede.
Fede a quel punto mi disse che mancava solo lui ad essere accolto in famiglia e che non avrebbe creato nessun problema tra noi, quello con mio padre e Daniel era solo sesso e divertimento. Mi disse che voleva farlo al piu' presto, passarono giorni, ogni tanto si parlava del cazzone di Daniel, di quanto era figo mio Padre, a volte ci capitava di sentirli scopare in camera di Daniel e mi era spesso venuta l'idea di andare io e Fede nella loro camera a scopare con loro; ma Fede voleva che la prima volta fosse magica, che fosse un momento eccitante e da ricordare, cosi' ci mettemmo ad organizzare e a fare varie ipotesi, ma tutte ci sembravano banali e troppo da film porno... insomma la solita cosa trita e ritrita.
Un giorno Fede arriva a casa entusiasta e mi dice che ha avuto un'idea e me la racconta, io resto basito, un'idea incredibile e mi domandavo come gli venissero certe cose in mente... il mio Fede era un uomo che aveva nel suo cervello una parte dedicata al sesso, si' tipo testicoli in testa. Decidemmo di mettere in atto la cosa il sabato successivo, visto che avevamo invitato mio padre a casa con noi, per festeggiare il loro quarto anniversario. Avevamo solo tre giorni per organizzare il tutto.
Daniel che condivideva con noi l'appartamento ci disse che, per non farci scomodare a cucinare, aveva ordinato una cena particolare, un catering con tanto di cuoco e cameriere a casa nostra. Il volto di Federico s'illumino', era la ciliegina sulla torta, la presenza d'estranei avrebbe fatto la differenza, per di piu' lui conosceva uno dei camerieri del ristorante in questione e sapeva che era un gran maschio gay, per pensammo farlo entrare nel piano per la fatidica sera.
Arrivo' prima il cuoco verso le 17 ed inizio' a cucinare, si chiamava Sebastian era un uomo sui 50 anni, tipo orsetto, tutto pelo e barba, alle 19 arrivo' il cameriere per preparare la tavola e Fede me lo presento', era veramente un gran bel tipo... non era difficile farci un pensierino.
Arrivarono le 19,30 ed ecco mio padre e Daniel, vestiti elegantemente, con due bellissimi completi giacca e cravatta uguali: erano bellissimi.
Ci accomodammo e iniziammo con l'aperitivo, io ogni tanto facevo qualche raid in cucina per vedere se tutto procedeva bene e se servisse qualcosa al cuoco.
La cena procedeva benissimo, il cameriere ad un certo punto era arrivato a tavola a dorso nudo, uno spettacolo... poi era tornato con solo un perizoma di raso nero... e si strusciava addosso ad ognuno di noi ogni volta che ci serviva qualcosa, le battute volavano e l'atmosfera si stava riscaldando.
Ad un certo punto mio padre disse: 'Cari ragazzi vedo che avete personalizzato la serata, molto carino il cameriere... da mangiare anche lui.'.
Io a quel punto me ne uscii con un fare acido: 'E' un amico di Fede, uno dei suoi scopini (in gergo uno con cui si scopa di solito, senza nessun legame stabile) di un tempo... forse ancora presente...' E Fede rimbocco': 'Beh caro Massy non vorrai rovinare la serata con la tua solita scenata di gelosia, Jon non e' stato affatto un mio amante o scopino come lo chiami tu, e poi non mi piace neanche... e ora smettila ti prego...'
La cena continuo', ma con un gelo a tavola incredibile. Ad un certo punto Federico si alza e va in cucina a vedere come mai non portavano il secondo.
Passa del tempo e Fede non si vede, allora Massy si alza e va anche lui in cucina appena entra inizia ad urlare: 'Fede sei una troia, e cosi' non ti piaceva eh... ti stai facendo inculare e nel frattempo spompini anche il cuoco... troiaaaaaaaaa'
Arrivarono in cucina anche mio padre e Daniel che trovarono Federico che ancora aveva il cazzone del cameriere in culo e il cuoco che seduto sul tavolo si teneva il cazzo in mano all'altezza della bocca di Federico... il cameriere si era solo fermato tenendogli il cazzo dentro il culo... a quel punto continuai la mia scenata da checca isterica: 'Basta hai raggiunto il limite Fede, me ne vado, continua pure a scopare che tanto per te solo questo conta nella vita...'
E prendendo il giaccone me n'andai sbattendo la porta... mio padre mi segui e mi disse cosa facevo e perche' mi comportassi cosi' e cose del genere, ma gli chiesi di non rompere il cazzo e di non immischiarsi e che volevo stare per i cazzi miei.
Mi accorsi che malgrado dentro di me mi venisse da sbracarmi dalle risate, in realta' stavo recitando bene la parte, perfettamente credibile.
Lui torno' dentro e trovo' Daniel che si era spogliato ed avevano iniziato a scopare in tre in cucina... mio padre resto' sorpreso dalla scena, ma Daniel gli disse: 'Lascia stare Massy, e' stressato dal lavoro e basta, vedrai gli passera'... dai vieni e finiamo di festeggiare in bellezza il nostro 4 anniversario... infondo Fede tu non te lo sei ancora fatto'.
E mio padre: 'Beh e' vero ma avevamo detto che lo avremmo fatto con Massy la prima volta...'
Nel frattempo si era spogliato e con il cazzo duro si era messo davanti a Federico invitando a prenderglielo in bocca.
E Fede : 'Mi aveva detto Massy che eri un gran manzo, ma non pensavo anche porco  fino a questo punto... tuo figlio se ne e' andato e tu qui a scopare con noi... ahahahhaha.'
Allora mio padre s'incazzo' di brutto e infilo' il suo cazzo tutto in bocca di Fede dicendo: 'Brutta troia che non sei altro... fai le corna a mio figlio con chi ti capita davanti e rinfacci a me questo... tieni prendilo tutto in bocca e poi vedrai quando lo avrai in culo... non pensare che perche' ti sei preso il cazzo di Daniel non avrai problemi... il mio fa molto male...'.
Glielo aveva infilato tutto in gola, e il povero Fede aveva cambiato colore in viso, stava soffocando... Daniel continuava a sfondarlo in culo quando mio padre prese per le spalle Fede lo alzo'…
Si mise sdraiato sul tavolo e disse a Daniel: 'Amore fa scendere il frocetto sul mio cazzo vedrai come lo faccio urlare....' A questo punto vi chiederete come mai io sto raccontando tutto come se fossi presente...
Ebbene si' ero presente... senza farmi sentire, ero rientrato a casa, e mi ero messo dietro la porta appena aperta della cucina ed assistevo alla scena eccitato...  appena Daniel inizio' l'impalamento di Fede sul cazzo di mio padre, Fede inizio' ad urlare...
Il cazzo di mio padre era eretto all'inverosimile, e il culetto di Fede non era pronto per i sui 28 cm d'acciaio... Ma Daniel lo teneva fermo, chiamo' anche il cuoco e il cameriere ad aiutarlo e quando la discesa sul cazzo di mio padre fu completata, Fede stava strabuzzando gli occhi dal dolore...
Allora mio padre: 'Devi sapere caro Fede che il cazzo di Daniel ha qualcosa di speciale dentro, una piccola perla che uno stregone africano gli ha inserito dentro, la perla quando entra in contatto con la prostata, crea un campo magnetico che anestetizza tutto lo sfintere e permette la penetrazione naturale senza dolore...
Il mio cazzo non ha nulla e i suoi 28 cm. li senti tutti e quando sono cosi' incazzato come con te in questo momento puo' arrivare anche a 30 cm.' 
Fede sta iniziando a riprendersi, e chiedeva aiuto... ma Daniel continuava a tenerlo fermo, anzi iniziava a farlo salire e scendere, Fede inizio' a provare piacere e gemeva come mai lo avevo visto.
Daniel a quel punto lo lascio' e scendendo dal tavolo si pose davanti al buco del culo, gia' pieno, del povero Federico e senza pensarci due volte glielo infilo' tutto dentro a quel punto Fede inizio' ad ululare dal godimento parole senza senso... nel frattempo il cameriere che sapeva del nostro piano mi fece un cenno di allontanarmi e appena mi allontanai usci' fuori e senza dirmi nulla, venne, richiuse la porta e inizio' a spogliarmi. Era il momento di entrare in scena anche io, ma dovevo farlo senza che mio padre e Daniel si accorgessero... avevo una sorpresa per mio padre...
Dopo avermi aiutato a spogliarmi, Jon si abbasso' per farmi un pompino rinvigorente, come se ce ne fosse bisogno: la scena che avevo appena visto  e  i mugolii che continuavo a sentire mi avevano portato ad una eccitazione pazzesca, ma Jon aveva voglia di cazzo e lo accontentai... Fede aveva smesso di mugolare, e mi avvicinai per vedere...
Ora lo avevano steso a pancia in su sul tavolo e mio padre stava preparandosi per incularselo da davanti, di fianco a mio padre c'era Daniel che lo baciava con passione, entrambe erano di spalle era il momento...
Quando mio padre aveva iniziato a sfondare il culo di Federico e Fede aveva iniziato a urlare dal dolore e piacere io mi ero messo dietro al cameriere che entro' senza dare nell'occhio a quel punto scivolai dietro a mio padre e zac me lo inculai... mio padre urlo' dal dolore per la sorpresa e girandosi mi vide e con la faccia ancora dolorante mi disse: 'Figlio di una puttana, che sarei io, era tutto programmato vero... non vedevi l'ora di scoparti tuo padre... non ti andava giu' che non ti volessi dare il culo.'
Sfilo' il cazzo dal culo di Fede, lo fece togliere dal tavolo e ci si mise lui e mi disse: 'Ed ora inculami mio bel porcello, fai vedere come inculi il tuo paparino... ' E io non me lo feci ripetere due volte mi fiondai sul suo culo e glielo sfondai con una foga mai vista...
Fede allora si mise sul tavolo e si mise a scopare mio padre in bocca dicendo: 'Mi hai fatto male stronzo, ma tu credevi che io avrei fatto del male a tuo figlio?
Non hai capito che lo amo piu' di me stesso? E ora succhialooooooo...' Daniel inizio' a ridere come un matto, e raccontava che aveva sentito dalla sua camera che stavamo tramando qualcosa per la cena di stasera, ma aveva pensato che il programma ci fosse scivolato di mano con quella mia scenata, e invece l'incazzatura di mio padre con Fede aveva reso ancora piu' intrigante la cosa.
In un angolo il cuoco stava fottendo il cameriere che era a quattro zampe sul pavimento, io mi stavo inculando mio padre di brutto e Fede lo stava soffocando scopandolo in bocca.
A quel punto Daniel usci' dalla cucina e torno' con una telecamera: 'L'avevo portata perche' volevo riprendere la cena sperando in qualche colpo di scena... ma questo e' super...
E inizio' la ripresa, mentre riprendeva si avvicino' al cameriere e gli diede il cazzone in bocca... Mio padre dovete sapere che era un super attivo, non amava prenderlo in culo... ma da quella sera gli si apri' un nuovo mondo, insieme al suo culo... A quel punto invitai tutti a spostarci nel salotto dove tra tappeti e divani avevamo piu' comodita'.
Mio padre si avvicino' a me e mi disse: 'Sei un diavolo tesoro, mi hai aperto il culo con maestria, ora voglio tutti i cazzi che sono qui.. li voglio tutti in culo...' ed io : 'Bene papi, mettiti a culo all'aria sul divano e sarai accontentato, Daniel sara' l'ultimo ...
Iniziai io a dargli la prima sfondata, poi se lo inculo' Fede che aveva un cazzo duro e grosso mai visto, tanto che mio padre grido' dal dolore e Fede: ' E per il dolore che mi hai dato... mi spiace che non e' grosso come il tuo... tieni porcone prendilo che poi ci sono altri due prima di Daniel...'
Fede lo inculo' fino a sborrargli dentro, poi fu il turno di Jon il cameriere che gli sborro' anche lui dentro e poi il cuoco che nessuno lo aveva notato ma aveva un cazzo non lungo ma larghissimo quasi una bottiglia da un litro. Quando mio padre lo vide disse: 'No non posso prenderlo, e' troppo largo, mi manda all'ospedale...'
Ma il cuoco era eccitato e gli disse: ' Non fare lo stronzo, con tutta questa sborra che hai in culo entrera' senza nessun problema' E infatti lo appoggio' e il culo di mio padre lo risucchio' tutto, ma ebbe un sussulto di piacere e disse: ' Massy dammi il tuo cazzone in bocca, mi sento pieno e voglio anche il tuo...' Daniel che stava continuando a riprendere disse: 'Ragazzi verra' fuori un video pazzesco altro che i film porno che ci scarichiamo da eMule!!!!!' eravamo veramente bravi ci stavamo dando dentro e tutti erano coinvolti.
Sul tappeto io e Fede ci stavamo scopando insieme Jon che si prendeva i nostri cazzi da vero esperto, anche se ci aveva confessato che era la sua prima doppia penetrazione. Ma venne il momento atteso, il cuoco aveva sborrato in un bicchiere e mio padre disteso sul divano se la stava gustando tutta.
Quando l'ebbe finita di bere, invito' Daniel a riempire il bicchiere di piscio e lui disse: 'Amore non ora, vai sotto il cazzo di Jon che voleva pisciare addosso a Fede poco fa.'
E cosi' mio padre si alzo' e mise il bicchierone sotto il cazzo di Jon che malgrado avesse ancora i nostri cazzi dentro gli riempi il bicchiere di piscio. E li davanti ai miei occhi vidi mio padre bersi tutto d'un sorso quel bicchierone di piscio caldo fumante...
A quel punto Daniel ci chiese di alzarci e fare noi le riprese perche' stava dando a mio padre il suo regalo d'anniversario, tiro' fuori dalla tasca una scatolina contenente una pietra rossa, ce la mostro', chiese a me di fare le riprese e agli altri di tenere fermo mio padre il quale disse: 'Daniel non c'e' bisogno il tuo cazzone fara' meno male degli altri, con il metallo che hai nel cazzo mi anestetizzera' lo sfintere.. dai non esagerare..'
E Daniel con il cazzo completamente duro (era l'unico che insieme a me, ancora non aveva sborrato) disse: 'Amore aspettavo questo momento da molto, aspettavo che ti decidessi  a darmi il tuo culo... e lo avrei fatto tranquillamente visto che la mia pietra non fa sentire il dolore per le mie misure... ma ora che ti sei fatto sfondare cosi' bene da tutti questi cazzi, posso togliere l'anestetizzante...
Questa pietra che ho in mano se strusciata lungo il cazzo annulla il campo magnetico della pietra che e' nel mio cazzo e quando ti scopero' sentirai tutta la potenza del mio cazzo...
Non temere il cazzo del cuoco era gia' programmato per l'apertura, Sebastiano si e' trovato parte di un doppio programma il mio e quello di Massy e Fede, e devo dire che t'ha aperto molto bene... sei pronto per i miei 36 cm amore perche' questa pietra mi fa avere un'erezione maggiore'...
E mio padre: 'Daniel non scherzare, non puoi farmi questo, sei un bastardo... mmmm'
In quel momento Fede gli mise uno slip in bocca e lo tenevano stretto. Mio padre cercava di divincolarsi ma non ci riusciva... Daniel sfrego' piu' volte la pietra rossa lungo il suo cazzone e divenne veramente piu' grosso. Si avvicino' al buco aperto di mio padre e lentamente inizio' a penetrarlo io riprendevo da vicino al scena e vedevo sparire cm dopo cm quel cazzo inverosimile, mio padre tremava dal dolore, Daniel continuava a entrare...
Quando fu tutto dentro si fermo' e anche mio padre ebbe un attimo di pace, gli tolsero lo slip dalla bocca e disse: 'Sei un bastardo amore, ma che cazzo che hai, mi hai sfondato il culo come non mai... ed ora mi piace continua piano piano  a muoverlo... ti prego piano... ma non toglierlo'
Ed io: 'Papi sei fantastico, mai avrei pensato di vederti cosi' porco... hai un culo che e' come una tazza da latte...' e Daniel:' Si come una tazza che ora sara' riempita del mio latte caldo... hai un buco del culo caldissimo amore... tieni godilo tutto che non so quanto riusciro' a resistere.. .siiiiiiiiii... vengoooooooo.... sborrooooooo....'
Cavoli era fantastico vedere Daniel venire, a me e Fede un giorno ci aveva raccontato la storia della stregoneria del suo cazzo... e ci aveva detto che la pietra rossa oltre ad annullare l'anestetizzante e allungare il cazzo, faceva provare degli orgasmi pazzeschi.
Infatti Daniel stava ancora sborrando, tiro' fuori il cazzo e sborro' nel famoso bicchierone di prima e ne fece una quantita' pazzesca, poi invito' anche a noi a sborrare nel bicchiere e uno per volta prima io, poi Fede, Sebastian, Jon e infine mio padre sborrammo nel bicchierone era pieno fino all'orlo a quel punto Daniel: ' Io proporrei un brindisi, al nostro IV anniversario' e iniziando a bere ce lo passo anche a noi... era incredibile si sentivano diversi sapori di sperma, era un cocktail perfetto per una serata come quella...
Poi mio padre disse a Daniel: 'Amore ho capito in fondo quale era il tuo vero regalo per me questa sera, aprendomi cosi' il culo ora solo tu potrai darmi piacere, nessun altro cazzo mi riempira' come il tuo...' E si avvicino' a noi e incominciammo a baciarci tutti.
Da quella sera iniziammo a scopare noi 4 insieme tutte le volte che si poteva, anche se a volte ci trovavamo a scopare in coppie separate e sentire il godimento degli altri nella camera accanto.
(continua)

Orsanghelos

per commenti e suggerimenti carlo.canalis@gmail.com